Il cioccolato “perfetto”

E’ nata a San Francisco, nella cioccolateria artigianale chiamata Dandelion Chocolate, per dimostrare che la “forma perfetta” per degustare un pezzo di cioccolato esiste. Perché se è vero che questo ingrediente è il re della pasticceria e si discute spesso dell’importanza della provenienza del cacao, della lavorazione artigianale e degli ingredienti aggiunti che concorrono all’ottenimento di una tavoletta o di un cioccolatino, si può altrettanto affermare che raramente si sente parlare di quanto siano fondamentali spessori, superfici, temperature e tempo di discioglimento al palato

Forse sembrerà eccessivo, troppo scientifico, un ragionamento troppo “fisico”, eppure è impossibile negare che la gradevolezza di un prodotto di cioccolato vari anche a seconda della sua forma. Ma se c’è chi preferisce le rotonde praline e chi invece gli squadrati cremini, Remy Labesque, specialista in Industrial Design del team di Tesla (la sempre più nota azienda statunitense specializzata nella produzione di auto elettriche, pannelli fotovoltaici e sistemi di stoccaggio energetico, ndr), elegge invece un piccolo prisma di cioccolato la versione ottimale per ottimizzare l’esperienza di degustazione. 

Insieme al fondatore di Dandelion Chocolate, Todd Masonis, e alla pastry chef Lisa Vega, Labesque ha dato vita con la sua nuova (e più golosa) squadra alla “goccia di cioccolato definitiva”, battezzata con il nome di Large Chip. La collaborazione affonda le sue radici in un’amicizia, nata quando il designer decise di partecipare ad un corso per imparare a preparare cioccolatini nel rinomato negozio. Inoltre la Large Chip non è la prima creazione del gruppo: con il cioccolato sono riusciti ad ottenere anche una tazza dotata di fondina porta-biscotti e un creativo vassoio. 

Lanciata ufficialmente sul mercato a luglio di quest’anno, la Large Chip, come spiega Labesque, “è studiata e sfaccettata secondo precisi parametri: a partire dallo spessore, ridotto al minimo ma quanto basta per garantire la tenuta del cioccolato. Abbiamo calcolato il rapporto tra lo spessore della goccia e il tempo impiegato per sciogliersi sul palato, per ottimizzare l’esperienza”.

Le sfaccettature del “cioccolato perfetto” sono curate nei minimi dettagli, il peso di ogni singolo prisma è pari a 3,5 grammi, e Lisa Vega lo consiglia non solo per la degustazione in purezza, ma anche per la preparazione più agile di torte e biscotti. 

Al momento, la Large Chip viene prodotta e proposta con tre diverse tipologie di cioccolato tra cui scegliere: un Costa Esmeraldas dell’Ecuador (70%, 2018), un Hacienda Azull della Costa Rica (70%, 2019) e un Ambanja del Madagascar (70%, 2017). Il costo di quest’ultima è di 100 dollari per una confezione di gocce da 2,5 kg! 


Fonte: https://www.wired.it/lifestyle/food/2020/08/13/designer-tesla-goccia-cioccolato-perfetta/

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi