Alceo e il vino

Il poeta greco passato alla storia per le sue massime e le sue liriche spesso “ebbre” di vino!

Alceo e il vino

Avete mai sentito parlare di Alceo? Fu un poeta greco (620-560 a.C.) nato e vissuto a Mitilene, località dell’isola di Lesbo, situata nel mare Egeo: nel suo periodo storico, tante erano le rivolte interne a sfondo sociale e politico nelle città greche. A Mitilene, in particolare, i tumulti erano dovuti al governo retto dai tiranni Melancro e Mirsilo: alla morte di quest’ultimo, Alceo, che era contro ogni principio di dittatura, passò alla storia per aver esclamato gioioso: “Ora, bisogna ubriacarsi. Ora, bisogna che ognuno a forza beva: Mirsilo è morto”. Un invito al bere per festeggiare, quel “nunc est bibendum”, che rappresenterà un topos usato anche da Orazio nel celebre incipit della sua Ode I scritta per la morte di Cleopatra VII. In età avanzata, dopo aver dedicato diversi testi alla materia politica e all’impegno civile, Alceo scrisse diverse liriche dedicate al vino, che spiega essere il suo unico amico, l’unico incapace di tradire. Nei suoi versi il vino viene interpretato come rimedio per ogni male (fisico o psicologico), nonché come bevanda fondamentale per celebrare avvenimenti festosi o comunque importanti. 

«Beviamo.
Perché aspettare le lucerne?
Breve il tempo.
O amato fanciullo, prendi le grandi tazze variopinte,
perché il figlio di Zeus e di Sèmele
diede agli uomini il vino
per dimenticare i dolori.
Versa due parti d'acqua e una di vino;
e colma le tazze fino all'orlo:
e una segua subito l'altra.»

(Alceo, fr. 346 Campbell; traduzione di Salvatore Quasimodo)

Scritto da Sara Albano

Diplomata al liceo linguistico internazionale di Taranto, sua città di nascita, raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi nella food valley d’Italia, conseguendo la laurea magistrale in scienze gastronomiche presso l’Università di Parma, per poi intraprendere un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania, dopo il quale ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl,  dove si occupa oggi di back office, redazione e project management a 360°, sia in ambito di ristorazione ed eventi, che in ambito di attività che coniugano la gastronomia ai settori dell’editoria, del marketing e della comunicazione. 

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi