Tutto il buono della cooking therapy

La cucinoterapia è una vera scienza: scopriamo gli straordinari benefici insiti nell’atto del cucinare, che guida al benessere in modi diversi

Tutto il buono della cooking therapy

Cucinare fa bene, lo dice la scienza e lo prova il dilagare di programmi e contenuti web sul tema e l’appassionato interesse con cui tutti li seguiamo.

La cucinoterapia è uno strumento per nutrire contemporaneamente la mente e l’anima (e non dimenticherei il corpo). È un modo per prendersi buona cura di sé. Viene oggi considerata una tecnica per ridurre lo stress e raccomandata a chi soffre di depressione, ansia, stress cronico, disturbi alimentari, ADHD e dipendenze.

Perché cucinare fa bene alla salute mentale 
Secondo recenti studi, ecco alcuni dei modi in cui cucinare può migliorare l'umore e il benessere generale:

  • Richiede concentrazione e rappresenta una sana distrazione che ci permette di rallentare e fuggire dai nostri schemi mentali e di pensiero. È coinvolgente e immersiva dal punto di vista emotivo e sensoriale rivolgendosi a tutti e 5 i sensi.
  • Può essere considerata come una pratica di Mindfulness. Tutto sommato è un po’ come meditare con per di più la promessa di un buon pasto e richiede di prestare attenzione al momento presente.
  • Ci incoraggia ad apprendere nuove abilità e ad ampliare la nostra base di conoscenze.
  • Ci aiuta a sentirci meno ansiosi o depressi, poiché ci regala sensazioni di realizzazione e di piacere. Migliora l’autostima.
  • Spezza la monotonia della routine quotidiana dal momento che ci sono sempre nuove ricette da provare e che ogni ricetta si apre a interpretazioni personali. Cucinare è infatti un’attività creativa tant’è che viene spesso definita “arte culinaria”. 

Altri benefici della Cooking Therapy

Benefici fisici — Rispetto ad attività o hobby sedentari come leggere, guardare la TV o lavorare al PC, cucinare richiede un minimo di movimento per reperire gli ingredienti, mescolare, tritare e pulire in seguito. Non sarà un allenamento intenso, sono d’accordo, ma una sessione in cucina è un modo per fare qualcosa che sia divertente e relativamente attivo allo stesso tempo. È stato anche dimostrato che riduce il rischio di disabilità, perdita di indipendenza e carenze nutrizionali negli anziani, visto che richiede l'utilizzo simultaneo di più abilità fisiche e mentali. 

Benefici per la famiglia/coppia — A volte si pensa alla pianificazione dei pasti, al cucinarli e alla successiva pulizia come a una seccatura ma la ricerca ci dice che esplorare nuove ricette insieme ai figli o al partner, pianificare e poi cucinare i pasti come una squadra, può in realtà essere un modo divertente per riunirsi e godere del tempo insieme. BONUS: Coinvolgere mio figlio in cucina lo ha aiutato anche ad avvicinarsi a dei cibi che altrimenti rifiutava.

Benefici per la salute in generale — Molti studi hanno dimostrato che quando cuciniamo a casa tendiamo a consumare meno calorie e mangiamo cibi di miglior qualità, più semplici e antinfiammatori quali frutta e verdura, frutta a guscio, semi e pesce. Inoltre, se ci prepariamo i pasti con cura, siamo anche più inclini a mangiare in modo consapevole, prendendoci il giusto tempo che ci darà maggior controllo sui segnali di fame e di sazietà e quindi sulle quantità consumate.

Tra i benefici della cooking therapy figurano anche:

  • Riduzione dello stress ossidativo/danno dei radicali liberi
  • Riduzione dei livelli di Infiammazione 
  • Protezione contro demenza, declino cognitivo e morbo di Alzheimer, malattie cardiache, aumento di peso e sindrome metabolica
  • Miglioramento dei livelli di glicemia 
  • Minor rischio di obesità
  • Migliore mobilità e qualità della vita

Una sola accortezza: cerca di non cucinare quando sei arrabbiato o agitato! Le vibrazioni che il cuoco infonde nel cibo hanno anche un’influenza sulla digeribilità degli alimenti. Hai mai notato come, a volte, anche delle pietanze semplici possano rimanere sullo stomaco? E come invece lo stesso pasto, preparato da un’altra persona o in un altro momento, sembri venir digerito rapidamente e con facilità?  La differenza non è che la "vibrazione" del cuoco!

Ricette salutari per la mente
Abbinare la cucinoterapia a ricette sane, preparate con ingredienti sani, sembra quindi essere il segreto per prenderci buona cura del nostro benessere mentale. Gli alimenti su cui concentrarci sono quelli enfatizzati dalla dieta MIND, un piano alimentare che ha appunto l'obiettivo di ridurre il rischio di disturbi cognitivi e includono:

  • Tutte le verdure, in particolare verdure a foglia come spinaci, cavoli, ecc.
  • Frutta fresca, in particolare tutti i tipi di frutti di bosco, ecc.
  • Frutta a guscio e semi, come noci, mandorle, semi di chia e semi di lino, ecc.
  • Legumi e cereali integrali, come farina d'avena, quinoa, riso integrale, orzo, farro, pane integrale.
  • Pesce, in particolare di pescato selvaggio, fonte di grassi omega-3.
  • Carni magre come il pollame, allevate all’aperto e non impanate o fritte e l’olio d’oliva.

Ma la cosa più salutare in assoluto è quella di cucinare senza prendersi troppo sul serio! Considerarla come un'attività divertente e creativa, piuttosto che un altro gravoso compito da aggiungere alla già lunga lista. Proviamo ricette facili da cui ci sentiamo naturalmente attratti e cerchiamo di non essere duri con noi stessi se improvvisiamo una preparazione e finiamo per incasinare tutto.

Naturalmente Chiara

 

Disclaimer: questo articolo è stato sviluppato con intento puramente divulgativo e non intende sostituirsi al parere del medico, né tantomeno alla diagnosi o al trattamento prodotti dallo stesso. Rivolgersi sempre al proprio medico curante per ulteriori informazioni e soprattutto in caso di una qualsiasi condizione medica.

Scritto da Chiara Sartori

Integrative Nutrition - Certified Health Coach.

La salute è un viaggio non un punto d’arrivo. Tutti possiamo fare dei piccoli passi per potenziare il nostro benessere e lo stile di vita a prescindere dall’età. La vita è fatta per essere goduta fino in fondo ma per poterla apprezzare appieno dobbiamo avere energia, vitalità e forma fisica. Lavorare nel marketing di un’azienda che distribuisce un supplemento nutrizionale per 25 anni mi ha fatto entrare in contatto con tematiche quali alimentazione corretta e bilanciata, benessere e stile di vita, che fin da subito ho deciso di approfondire. In seguito a seri problemi di salute ed avendo compreso l’enorme contributo dell’alimentazione in questo senso, è nata in me una vera e propria passione per questi argomenti.

Ho frequentato la Scuola di Nutrizione Integrativa (Institute for Integrative Nutrition, NY) e il Corso Avanzato di Specializzazione in Salute dell’Intestino seguendo un percorso alla scoperta del vero cibo e dell’importanza di una nutrizione personalizzata.

Oggi, fare la differenza nella salute e nel benessere delle persone mi rende davvero felice.

Webwww.naturalmentechiara.com

FB: ChiaraNaturalmente  

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli