Consigli all’italiana

Brano liberamente tratto da Ortensio Lando, “Commentario de le più notabili et mostruose cose d'Italia e altri luoghi, di lingua aramea in italiana tradotto, nelquale s'impara e prendesi estremo piacere”, Ebook StreetLib 2019 

Chi era Ortensio Lando? Nato a Milano intorno al 1510, e originario di Piacenza, la sua figura nel Rinascimento fu tra le più esclusive: religioso, studioso di teologia e laureato in medicina all’Università di Bologna, nonché poligrafo che prestò servizio per famosi editori Veneziani, condusse una vita intera in giro per l’Italia e l’Europa. Per questo nei suoi scritti, alcuni anonimi e altri firmati sotto pseudonimo, si diverte a raccontare, consigliare o sconsigliare ora alcune abitudini, ora alcune città, e ancora le maniere di comportarsi. Come in questo estratto, dove troverete curiosi suggerimenti: dal bagnare i testicoli di un cavallo stanco con del vino caldo, al tacere e non mangiare piuttosto che criticare una pietanza gentilmente offerta a tavola. E ancora “chi vuol provar l’inferno, l’estate in Puglia e nell’Abruzzo il verno”; ma troverete anche una variante del più moderno proverbio “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”: secondo Ortensio Lando, infatti, “cerca di far Natale con signori, Pasqua nel tuo albergo e lecito ti sia di fare il Carnevale in ogni luogo”. 

Scritto da Sara Albano

Diplomata al liceo linguistico internazionale di Taranto, sua città di nascita, raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi nella food valley d’Italia, conseguendo la laurea magistrale in scienze gastronomiche presso l’Università di Parma, per poi intraprendere un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania, dopo il quale ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl,  dove si occupa oggi di back office, redazione e project management a 360°, sia in ambito di ristorazione ed eventi, che in ambito di attività che coniugano la gastronomia ai settori dell’editoria, del marketing e della comunicazione. 

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi