Buongustai per predestinazione

Tratto da Fisiologia del gusto di Jean Anthelme Brillat-Savarin

Buongustai per predestinazione

“Buongustai per predestinazione” - Tratto da Fisiologia del gusto di Jean Anthelme Brillat-Savarin, Edizioni Seb 27, 2002

Avvocato, deputato dell’Assemblea Costituente, in seguito presidente del Tribunale Civile del dipartimento di Ain, Jean Anthelme Brillat-Savarin è una figura indimenticata della storia francese ma anche internazionale, grazie alle sue doti di buongustaio e alle sue annotazioni sul “saper mangiare” ritrovate nella sua celebre composizione intitolata Fisiologia del gusto (datata 1825), tradotta e ristampata ad oggi da diverse case editrici.

Uomo di spirito ed epicureo particolarmente mite e dai pensieri brillanti che lo resero celebre al suo tempo, in cui frequentava assiduamente la crème della società, scrisse anche saggi di carattere giuridico ed economico. E come si evince da questo breve stralcio tratto dal paragrafo intitolato “Buongustai per predestinazione”, per Brillat-Savarin il buongusto, non a caso, rappresenta una sorta di “classe sociale” elettiva. Estimatori del cibo si nasce o si diventa? A voi l’ardua sentenza.

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli