I migliori cibi da spiaggia

L’estate è ormai arrivata e abbiamo tutti voglia di vacanze e relax! Per chi ama il vita di mare non è importante solo scegliere la spiaggia più bella, la giusta crema solare e il costume di tendenza, ma anche sapere cosa mangiare sotto l’ombrellone per godersi al meglio una giornata di sole! Da soli, in coppia oppure insieme a parenti o amici, mangiare sulla spiaggia è un’abitudine che non passa mai di moda, anzi si rinnova di anno in anno. Molti preferiscono portare da casa il pranzo da consumare sia per risparmiare (complice anche la crisi) sia per stare qualche oretta in più al sole.

Per preparare un perfetto “pranzo al sacco da mare”, bisogna armarsi di senso pratico e organizzarsi, per fare in modo che il pranzo sotto l’ombrellone diventi parte integrante del relax.
La prima caratteristica del pranzo in riva al mare è sicuramente la facilità di preparazione e la comodità di trasporto, senza mai trascurare le modalità di conservazione: sotto il sole il cibo si deteriora più facilmente.

È importante quindi procurarsi dei buoni contenitori, possibilmente riutilizzabili (non dimentichiamo infatti di essere ecosostenibili e green anche sulla spiaggia), che abbiano delle chiusure sicure a prova di viaggio, per dividere il cibo, possibilmente, in monoporzioni e conservarli in una borsa frigo munita di “ghiacciolirefrigeranti per mantenere la catena del freddo. Ricordiamo, inoltre, che un buon cibo da spiaggia deve essere adatto da mangiare al massimo con una forchetta (è consigliato infatti evitare pietanze da tagliare oppure da affettare in loco). Una volta sotto l’ombrellone, la borsa frigo va tenuta all’ombra e il pasto va consumato entro 3-4 ore dalla preparazione (e non alla sera, se si è preparato al mattino o la sera prima!).

È importante mangiare bene ma anche dissetarsi frequentemente e nella maniera più opportuna, pertanto non bisogna assolutamente dimenticare di portare abbondante acqua. Per le bevande come tè (possibilmente fatto in casa, perché contiene una minore quantità di zuccheri e additivi) e centrifugati di frutta o verdura, sono sicuramente comodi ed ecologici i thermos di buona fattura che mantengono la temperatura in modo prolungato.

A questo punto, con i piedi nella sabbia, all’ombra e con il rumore del mare a fare da sottofondo, siamo pronti per un pranzetto leggero in spiaggia ideale per godersi una giornata di vacanza. Per un piatto unico, buono e ben equilibrato dal punto di vista nutrizionale, bastano infatti pochi semplici ingredienti, mescolati sapientemente e che apportano la giusta quantità di energia, vitamine e sali minerali senza provocare senso di pesantezza. Le parole chiave per avere sempre pronto un buon menù da spiaggia sono leggerezza, freschezza e praticità. Ecco, quindi, alcune idee e proposte da elaborare a vostro piacimento.

  • Gli spiedini di frutta e verdura: pratici, rinfrescanti e gustosi sono un grande classico. Anguria, uva, ananas, kiwi, frutti di bosco, melone, pomodorini, finocchio, cetrioli: per comporre gli spiedini ci si può sbizzarrire scegliendo tra tutta la frutta e la verdura di stagione estiva. Uno spuntino di questo tipo aiuta a reidratarsi e a raggiungere le porzioni di frutta e verdura consigliate ogni giorno.
  • L’hummus, tipico piatto mediorientale, ormai da qualche tempo spopola anche sulle tavole italiane. A base di ceci, ricchi di proteine nobili e benefiche per l’organismo, questo piatto è adatto al periodo estivo, soprattutto se abbinato a verdure croccanti come carote, zucchine, sedano, piselli.
  • La pasta fredda: piatto tipico del pranzo al mare, condita all'ultimo momento con ingredienti freschi come pomodorini, dadini di mozzarella, basilico e olive, oppure con feta e melanzane grigliate o con zucchine e dadini di prosciutto, è un primo sfizioso e allo stesso tempo leggero.
  • Le insalate di riso e/o cereali (orzo, farro, quinoa, avena e miglio): sono una valida alternativa alla pasta fredda, conditi con verdure cotte o crude; perfetta anche l’idea del cous cous con le verdure. Prova la ricetta di Fabio Campoli dell'Orzo e colori al salto!
  • I panini e tramezzini: sono entrambi senza dubbio il cibo più comodo da portare in spiaggia; l’importante però è riempirli, a seconda dei propri gusti, con bresaola o prosciutto uniti a tante fettine di pomodoro fresco o verdure grigliate; meglio evitare maionese e salse varie che con il caldo potrebbero deteriorarsi e risultare pesanti alla digestione. Un'ottima idea è anche il Panino al polpo e melanzane di chef Campoli!
  • Le frittate, buonissime anche fredde, comode e sfiziose... ottime anche da impiegare in ricette creative come il nostro calzone farcito.
  • Le cosiddette “insalatone”, anche loro da assemblare con tutti gli ingredienti all'ultimo momento (come per la pasta fredda), possono essere una buona idea. Evitate tuttavia i pomodori, che tagliati troppo in anticipo si ossiderebbero: preferite invece le foglie verdi, a cui aggiungere tanti altri ingredienti in base ai propri gusti (straccetti di pollo, gamberetti lessati, seitan, legumi, uova sode oppure formaggio a cubetti). 
  • La frutta fresca e le macedonie di stagione sono l’ideale sia come dessert che come spuntino da consumare a metà mattina o nel pomeriggio inoltrato. E non dimenticate l'intramontabile prosciutto e melone!

Insomma, per mangiare bene, sano, nutriente e gustoso anche in spiaggia il segreto è non esagerare con i condimenti, scegliere materie prime di qualità, evitare intingoli e usare solo olio extravergine…e tanta fantasia!


Fonte: La Repubblica

Scritto da Redazione ProDiGus

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi