‘A nzalata

‘A nzalata

Sta vita è cumme fosse na nzalata

‘e tutt’erba mmiscata

e che t’ ‘a truove

già priparata

dint’ ‘a nzalatiera;

mmiez’ ‘a verdura fresca e profumata

nce truov’ ‘o verme…

e ognuno trova ‘o suio;

j’ ‘a sta’ cu ll’uocchie apierte

pecché chillo,

verme cumm’è,

capisce ch’è schifoso

e ca te fa ribrezzo quann’ ‘o vide,

e allora

s’annasconne mmiez’ ‘e ffronne

no p’ ‘o scuorno,

ma p’essere magnato;

e ssempre cumm’a verde

sape pure

ca si te trase ‘ncuorpo trova ‘a vita.

E già,

pecchè t’accide…

e dint’ ‘e muorte

isso sultanto resta ncumpagnia

cu ll’ati vierme…

Io?

E comme no:

pur’io ll’aggio truvate,

e me ce so spassato.

Pecché io

Tengo à pacienzia:

‘a foglia m’ ‘a sturèo

‘a rinto e ‘a fora

E quann’ ‘o trovo e veco

Ca se smerzèa,

pè bbia ch’è stato visto

‘o piglio c’ ‘o palicco;

me ce spasso,

‘o chiammo a nnomme,

‘o metto nomme “Tizio”

O n’atu nomme cchiù pretenziuso,

per esempio:

“Vittorio”…

E nunn’accido.

Che ce mettesse a scamazzà nu verme?

‘A nzalata m’ ‘a magno, certamente,

A isso ‘o veco annudo cumm’ ‘o verme:

annudo e sulo dint’ ‘a nzalatiera.

 

Eduardo De Filippo, 1971

 

Scritto da Elena Stante

Laureata in Matematica nel 1981 presso l’Università degli Studi di Bari, dal 1987 insegna Matematica e Fisica presso il Liceo Ginnasio Aristosseno di Taranto .

Ha partecipato ai progetti ESPB, LabTec, IMoFi con il CIRD di Udine e a vari concorsi nazionali e collabora, con la nomina di Vice Direttore, alla rivista online Euclide, giornale di matematica per i giovani.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi