Magnete ‘sta minestra

La storia di ripete, e nei momenti più difficili è ancora la cucina, seppur in povertà, il luogo simbolo della vita secondo Aldo Fabrizi

Magnete ‘sta minestra

Magnete ‘sta minestra
A lo storiografo
(1975)

L’anni più belli passeno in Cucina,
mentre fòri la storia 
ammalata de boria se trascina
tra pantani de sangue e tra macerie, 
de ricchezze rubbate e de miserie. 

Solo ‘st’ambiente e un mozzico de pane
resteno ancora un simbolo de vita, 
inchiodati ner tempo. 

Mettete a sede, fermete un po' qua!
Butta que la matita!
Che vòi storiografa’? 
Sarebbe un perditempo…
tanto ce lo sai bene, pure tu, 
che si nun sorte fòra quarche cristo
chi s’è visto s’è visto…
se spigneno er bottone, amico mio, 
nun fàmo a tempo manco a disse “addio”!

Aldo Fabrizi
Brano tratto da A. Fabrizi, Nonno Pane, Ed. Mondadori 1980


 

Scritto da Sara Albano

Laureata in Scienze Gastronomiche , raggiunta la maggiore età sceglie di seguire il cuore trasferendosi a Parma (dopo aver frequentato il liceo linguistico internazionale), conseguendo in seguito alla laurea magistrale un master in Marketing e Management per l’Enogastronomia a Roma e frequentando infine il percorso per pasticceri professionisti presso la Boscolo Etoile Academy a Tuscania. Dopo questa esperienza ha subito inizio il suo lavoro all’interno della variegata realtà di Campoli Azioni Gastronomiche Srl, , dove riesce ad esprimere la propria passione per il mondo dell'enogastronomia e della cultura alimentare in diversi modi, occupandosi di project management in ambito di promozione, eventi e consulenza per la ristorazione a 360°, oltre ad essere referente della comunicazione on e offline di Fabio Campoli e parte del team editoriale della rivista Facile Con Gusto.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi

Altri articoli