Sempre più bimbi diabetici

Studi e indagini scientifiche di recente pubblicazione evidenziano un preoccupante aumento d'incidenza del diabete in età pediatrica

Sempre più bimbi diabetici

I più recenti studi e le indagini scientifiche pubblicate negli ultimi tempi da enti di ricerca internazionale evidenziano purtroppo un dato preoccupante: l’aumento dell’incidenza del diabete in età pediatrica.  Il quadro è piuttosto preoccupante se si pensa che nelle ultime tre decadi il tasso di incidenza è aumentato progressivamente più del 10% ogni anno, arrivando oggi ad un valore numerico calcolabile oltre il 40% in più rispetto allo stesso dato del 1990.

Purtroppo, alla base di questo fenomeno tutti gli studi hanno evidenziato un minimo comune denominatore, ovvero l’incapacità a riconoscere i sintomi del diabete e le conseguenti disfunzioni glicemiche che ne derivano da parte delle famiglie e dei genitori. Tutti consigliano una campagna d'informazione da diffondere a macchia d’olio anche attraverso lo strumento delle scuole, perché non si arrivi troppo tardi ad una diagnosi di diabete mellito di tipo pediatrico.

Certamente un altro dato da non sottovalutare è che i picchi di aumento si sono verificati durante l’epidemia da Sars-Cov-2, perché sembra che – in estrema sintesi – i recettori del virus abbiano condizionato il metabolismo del glucosio compromettendone il regolare funzionamento, e questo, nei soggetti già fisiologicamente fragili o predisposti, ha generato una crisi del metabolismo stesso del glucosio.

Non dimentichiamo anche fattori come l’aumento dello stress, la mancanza di relazioni sociali per periodi prolungati, la sedentarietà forzata, l’aumento di insicurezza e la perdita di punti di riferimento, che per i nostri bambini sono stati effetti dirompenti nella loro (e nella nostra) quotidianità.

Gli scienziati insistono perché i genitori vengano accompagnati in un percorso di formazione e spiegazione sui fattori di rischio di alterazione della glicemia e sui sintomi che presenta uno stadio iniziale di diabete in età pediatrica. Di seguito riportiamo le testuali parole riportate sul sito ufficiale dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma nella speranza che possano essere utili a diffondere più consapevolezza sui sintomi del diabete contratto in tenera età. 

La carenza assoluta di insulina è incompatibile con la vita. È quindi importante fare una diagnosi precoce di diabete nei bambini e attuare un tempestivo trattamento con insulina. I sintomi principali di allarme che necessitano di una consultazione medica sono:

  • Poliuria: aumento della quantità di urine e della frequenza delle minzioni;
  • Polidipsia: sete eccessiva con aumento dell'assunzione di liquidi;
  • Polifagia: fame eccessiva con aumento dell'assunzione di cibo;
  • Dimagrimento nonostante un aumentato assunzione di cibo;
  • Dolori addominali non riconducibili ad altre malattie.

Nei casi più gravi, possono essere presenti:

  • Stato confusionale;
  • Alterazione di alcune funzioni mentali;
  • Coma (coma chetoacidosico).

I sintomi dipendono dallo stadio a cui è arrivata la malattia e dal tipo di diabete mellito di cui il bambino soffre.

Ancora importantissimo per i genitori è farsi aiutare a gestire una sana e corretta alimentazione per i bambini, senza trascurare nulla, e senza aver paura di confrontarsi o chiedere aiuto. Magari anche solo per una chiacchierata informale con un medico, un pediatra, un nutrizionista, considerando la fragilità del periodo storico che stiamo vivendo. Ne va della salute dei nostri figli. Qualunque dettaglio non va trascurato.

Photo made in AI via Canva

Dopo la laurea in Lettere Antiche segue la passione per la cucina non smettendo mai di approfondirne l'essenza sia nella pratica che nell'approfondimento degli aspetti storici. Oggi cura varie attività che cura in qualità di chef e libero professionista, supportando diverse tipologie di aziende.

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli