Bioterapia nutrizionale

Cos’è e quali sono i suoi principi per migliorare la nostra salute

Bioterapia nutrizionale

"Il benessere per il corpo e la mente è serenità quando ciò che dici, ciò che pensi e ciò che fai sono in perfetta armonia "

Nel mio lavoro di naturopata bioterapeuta nutrizionale, mi occupo di cibo in modo funzionale, e sono convinta da sempre che tanto l'organismo umano tende in modo naturale alla vita,  alla salute,  alla guarigione, tanto l'elemento "farmaco-cibo" per portare benessere in quel corpo deve essere quanto più naturale possibile.

Un bioterapeuta nutrizionale insegna, infatti, che un corretto stile di vita contribuisce a migliorare lo stato di salute e l'alimentazione, imparando a gestire anche la respirazione e l'attività fisica, in quanto funzioni che permettono al nostro corpo di mantenere il suo equilibrio.

Il cibo e lo stretto rapporto con esso, assume fin dai primi giorni di vita un valore simbolico particolare. La stretta alleanza tra la funzione nutritiva e la dimensione psicologica rende l'alimentazione un'area particolarmente vulnerabile, un terreno fertile per l'instaurarsi e l'esprimersi delle problematiche personali. Perché la bioterapia nutrizionale non tralascia il fattore che vede fisicità e psiche costituire un’unità inscindibile. Il corpo rappresenta infatti il sostegno della propria identità ed è un tramite nella relazione con gli altri, per cui la natura dell’estetica corporea in dosi adeguate esprime sia una buona accettazione di sé, sia una cura attenta alla relazione con l’altro. 

L'alimento è un potente alleato per favorire i bisogni dell'individuo. L'abitudine ad ascoltare il corpo favorisce la scelta del giusto alimento. In questo momento storico, sofisticazioni alimentari ed attitudine alle diete hanno reso il nostro cervello meno attento ai bisogni naturali, mentre il ritorno al cibo come risposta biologica al ritmo naturale della persona è la vera evoluzione dell'alimentazione.

La Bioterapia Nutrizionale® si basa sull’attivazione metabolica, e non comporta nessuna limitazione degli alimenti o calorica, ma parte dal concetto primario della conoscenza dell'alimento, delle sue associazioni e delle differenti modalità di cottura, seguendo il concetto base per cui il cibo è la prima medicina che il corpo dal primo vagito riconosce come parte di sé come il latte materno.

La bioterapia nutrizionale, inoltre, insegna che “dimagrire” e “perdere peso” non sempre coincidono: si dovrà tenere sempre in considerazione la costituzione della persona e delle variazioni funzionali, intervenendo con gli alimenti in modo mirato in funzione della necessità della persona trattata, attraverso un'educazione alimentare ma al tempo stesso anche fisica e psicologica. 

 

Naturopata e Bioterapeuta Nutrizionale®, Patrizia Pellegrini è esperta in Riflessologia Plantare, Iridologia e Floriterapia. La sua formazione Naturopatica è stata acquisita presso la New Port University Italian Branch di Roma.

Con master biennale in Bioterapia Nutrizionale, annuale in Nutrizione Applicata e master  di  Nutrizione Clinica dal Cibo al DNA – La Nutrigenomica e la Terapia Epigenetica. E’ iscritta alla F.A.C. e Vicepresidente dell’Associazione Tone, “Tree of Natural Energy”, con la quale organizza seminari informativi “Prevenire è meglio che Curare” su tutto il territorio nazionale. 

www.patriziapellegrini.com  - www.associazione-tone.it

0 Commenti

Lasciaci un Commento

Per scrivere un commento è necessario autenticarsi.

 Accedi


Altri articoli