Pomidoro fritti

“Pomidoro fritti” – Ricetta tratta da “La cucina casereccia” di Ave Ninchi, Newton Compton Editori 1983

Nata ad Ancona nel 1914, Ave Ninchi era figlia di una grande famiglia d’arte, primo motivo per il quale anche la sua vita è stata segnata da innumerevoli avventure, che l’hanno legata al mondo del teatro, del cinema e della televisione italiana. Amica di Anna Magnani e di Aldo Fabrizi, è proprio accanto a quest’ultimo che debutta al cinema nel 1944, per poi recitare anche con Totò, Nino Taranto, Peppino De Filippo, Alberto Sordi.

Diventata celebre soprattutto per i suoi ruoli comici, nella sua figura particolarmente ironica e bonaria, Ave Ninchi diventò presto molto popolare anche in ambito pubblicitario, diventando il volto più rassicurante ad entrare nelle case degli italiani attraverso quella nuova “rivoluzione” che prendeva il nome di televisione. La sua figura resta indimenticata anche a livello gastronomico, dal momento che fu la conduttrice di quello che ancora oggi è considerato il primo programma televisivo nazionale a tema culinario, precursore assoluto di un tema che oggi è sempre più protagonista del piccolo schermo. Si intitolava “A tavola alle 7”, e fu condotto da Ave Ninchi e Luigi Veronelli dal 1974 al 1976.

Con questo ritaglio di gusto abbiamo scelto di regalarvi uno stralcio dei suoi consigli per la cucina quotidiana, nella proposta della ricetta di questi pomodori fritti in pastella che siamo certi porteranno la gioia in tavola nel nome della semplicità di un tempo.

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti