Coltelli – La scimitarra

La scimitarra – tratto da Coltelli. La storia, l’utilizzo e il culto dei coltelli da cucina, T.HayWard, Guido Tommasi Editore 2017

Che mondo affascinante quello dei coltelli! Non solo perché restiamo incantati quando vediamo abilissimi cuochi maneggiarli in modo così naturale, quasi come fosse un prolungamento del proprio braccio (per usare le parole con cui Fabio Campoli ama definire questi indispensabili strumenti d cucina); ma anche perché ne esistono al mondo di infinite tipologie, in fatto di forme, materiali, funzioni.

Oggi abbiamo scelto un ritaglio per conoscere la scimitarra: una vera arma in cucina! Infatti, la scimitarra è un'arma del tipo spada ad impugnatura ad una mano, originaria dei paesi dell'Asia, caratterizzata da una lama dalla curvatura molto pronunciata, con taglio convesso e dorso concavo, capace di provocare danni molto gravi se usata di taglio. Da essa non solo è derivata la sciabola occidentale, ma anche, nell’ambito culinario, un coltello che ne ricorda la forma ed è utile soprattutto in macelleria.

Una curiosità in più: da dove deriva il nome di scimitarra? Diversi studiosi affermano che sia molto probabile che si tratti della parola generica shafshēr che in pahlavi assume il significato generico di spada. Ma non manca una seconda interpretazione: altri infatti sostengono che la quasi certa origine del vocabolo europeo è da ricercarsi nei termini in persiano shimshir o shamshir, che stavano ad indicare sin dall'XI secolo la scimitarra persiana. A sua volta, questi vocaboli sono di presumibile derivazione da shafshēr, che in lingua pahlavi significa "artiglio del leone", in riferimento alla forma ricurva della lama dell'arma.

Il nostro staff alla costante ricerca di informazioni utili e notizie attendibili nel mondo del food&beverage

0 Commenti